L’Associazione “Fiamme Verdi”, il Comune e la Pro Loco di Sonico, l’Ecomuseo della Resistenza in Mortirolo e l’Associazione per la Valorizzazione Luoghi e Sentieri della Grande Guerra e Resistenza hanno organizzato per la serata di Venerdì 18 Agosto 2017 presso il Luogo del Ricordo – Polveriera uno spettacolo dal titolo “Noi Siamo Storia” – Riflessioni in musica sul presente con la Compagnia Teatro Stabile di Villa Dalegno, il Gruppo musicale Articiòk sui testi di Giacomino Ricci.

Le quinte del Teatro: lo stabile recuperato che rappresenta il luogo del ricordo e della memoria. La platea: il piazzale sul retro dello stabile. Il gruppo musicale alloggiato su una pedana sotto un gazebo, appositamente posizionato a fianco della platea. A completare l’allestimento, una serie di cavalletti sui quali durante la rappresentazione verranno appesi dei fogli con i colori dell’arcobaleno ed una bandiera con i medesimi colori che verrà issata, su una parete dello stabile, verso la fine della rappresentazione. I posti a sedere, quasi 100, non sono bastati ad accogliere i numerosi partecipanti, molti dei quali hanno assistito allo spettacolo, rigorosamente in piedi.

Ezio Gulberti, dell’Associazione Fiamme Verdi, sezione di Vallecamonica, ideatore ed organizzatore dell’evento ha presentato la serata ringraziando tutti coloro che hanno collaborato per rendere fattibile lo spettacolo, in particolare ha ringraziato il responsabile del teatro stabile e regista Giancarlo Sembinelli, il prof. Giacomino Ricci autore di testi legati alle vicende della Resistenza letti durante la serata e il gruppo musicale degli Articiòk, che presenteranno i loro brani, tra una lettura e l’altra.

“… Questa sera presentiamo “Noi Siamo Storia”: uno spettacolo che si compone di quadri che illustrano le vicende di uomini e donne, che loro malgrado si sono incontrate con la storia. Le vicende proposte sono in massima parte legate agli anni di metà del secolo scorso: persecuzione razziale, campi di concentramento, Resistenza, immediato dopoguerra. Ma il nostro sguardo è proiettato sull’oggi, su temi centrali, comuni allora ed ai nostri giorni: la precarietà del vivere, la fragilità delle ricostruzioni storiche e dei giudizi della gente, la ricerca di un senso il valore dell’impegno personale di ognuno. Ogni vicenda presentata è strettamente legata ad un brano musicale e altrettanto strettamente legata alla nostra realtà. Alla Polveriera, a Giacomo Mottinelli deportato e morto in campo di concentramento. Un’altra vicenda che verrà presentata è quella relativa alla morte di Don Picelli  per mano fascista, ed altre ancora. I titoli delle letture: Mammina dove sei?. Triangolo Rosa. Canto notturno di un dodicenne. Madre coraggio. La porta del silenzio. Diamole un taglio. Fino in fondo. L’ultima parola. Saluto del Comandante Romolo Ragnoli ai Partigiani della Divisione Tito Speri e la Preghiera del Ribelle. Questi, intrecciati con dei brani musicali di Pino Daniele, Francesco De Gregori, Giorgio Gaber, Daniele Gozza, Francesco Guccini, News Trolls, Patty Pravo, Tradizionale e Van De Sfroos. A voi cercare i collegamenti tra la lettura delle vicende ed il brano musicale. Grazie per la vostra numerosa presenza e buona serata”.

L’attenzione dei partecipanti è stata all’altezza dei contenuti dello spettacolo interpretato magistralmente dalla Compagnia del Teatro Stabile Villa Dalegno: Giancarlo, Rosaria, Manuela, Antonella, Fabrizio, Ivan, Gianna, Elvira, Costanza e la nostra Mascotte Chiara e dal Gruppo Musicale Articiòk: Elena, Mattia, Alberto, Andrea.

E’ uno spettacolo itinerante, verrà riproposto in altre sedi, considerando anche il successo riportato, per la validità e l’efficacia della proposta che si differenzia dai metodi tradizionali di trasmissione della memoria.

A cura di Luigi Mastaglia
Sonico, 18 agosto 2017

 

arcobaleno preghiera-ribelle partecipanti-1 gulberti