Nel weekend di Sabato e Domenica 18-19  Maggio  si è svolto l’EPPPI (Eventi di progressione personale a partecipazione individuale) “sui moti ventosi” un workshop con lo scopo di sensibilizzare sul tema della resistenza e della dittatura nel ventennio fascista, situato nelle vicinanze del luogo dove una volta sorgeva lo “stato fantoccio” ovvero la repubblica sociale italiana o di Salò.

L’ evento, è stato l’occasione per incontrare  Elsa Pelizzari, ovvero una donna che all’epoca ha vissuto e fatto la resistenza in prima persona e che durante il pomeriggio, ci ha raccontato diversi aneddoti sulla vita dei cosiddetti “ribelli”.

whatsapp-image-2019-05-18-at-19-37-51

La sera è stata organizzata una veglia Rover, veglia che ha lo scopo di raccontare tematiche e far ragionare su determinati aspetti, attuali e passati, locali e lontani, senza alcuna eccezione.

La veglia consisteva inoltre, nel percorrere  il tracciato della “Resistenza” dedicato alla “VII Brigata Matteotti” in modo da raggiungere la cima del monte Besume, dove è situata una chiesetta nella quale hanno un tempo catturato 10 partigiani, che sono stati in seguito fucilati a valle.

La veglia, terminata con “il silenzio”, è stata molto sentita da tutti i partecipanti.

Tornati all’oratorio, abbiamo cenato e siamo andati a dormire, dato che era già l’una di notte e la mattina seguente dovevamo essere alle 9 a messa.

Finita la messa e fatta un’attività che puntava al miglioramento della carta di clan,  è arrivato il momento più importante della giornata: il pranzo con lo spiedo alla bresciana, un must per concludere alla grande l’uscita.

whatsapp-image-2019-05-18-at-19-37-50

Terminato il pranzo ognuno si è diretto, chi con il treno e chi in macchina verso casa, con nuove conoscenze ed esperienze da raccontare.

Un sentito ringraziamento va a Pietro Ghetti e Elsa Pelizzari che, con la collaborazione dell’associazione “Fiamme Verdi”, hanno reso in gran parte possibile quest’attività.