L'onore ai caduti con la deposizione della corona

L’onore ai caduti con la deposizione della corona

L’Associazione “Fiamme Verdi”, aderente alla Federazione Italiana Volontari della Libertà ha organizzato anche quest’anno il tradizionale raduno “Fiamme Verdi in Mortirolo” presso la Chiesetta di San Giacomo, per ricordare e onorare i Caduti delle battaglie del Gennaio e dell’Aprile 1945, combattute dalle Fiamme Verdi della Divisione “Tito Speri” contro la famigerata Brigata Nera “Tagliamento”, appoggiata dall’artiglieria tedesca.

Con la lotta, il sacrificio e a volte con il dono della vita, i “ribelli per amore”, come li definì il Beato Teresio Olivelli, contribuirono a liberare l’Italia dal fascismo e dall’oppressione tedesca dei nazisti.

Ricordare le vicende che si svolsero in questa bellissima località nella primavera del 1945 non è una sterile commemorazione o un raduno di nostalgici: è piuttosto l’affermazione della volontà di recuperare quei Valori per i quali i “ribelli per amore” con il sostegno della popolazione della Valle ci hanno indicato: la Pace, la Giustizia, la Democrazia, il rispetto delle Istituzioni, l’Accoglienza.

Quest’anno il raduno si è svolto sotto l’egida del tema associativo 2019: “Guardando l’Italia e l’Europa con gli occhi dei nostri Padri”.

I numerosi partecipanti si sono raccolti nella splendida conca del Mortirolo, davanti alla chiesetta di San Giacomo; la mattinata era fredda e minacciava la pioggia, ma appena iniziata la cerimonia, gli ombrelli, i pullover, le giacche, sono stati messi da parte. Uno splendido sole e un cielo terso hanno segnato l’inizio dell’incontro, con un breve saluto di Ezio Gulberti delle Fiamme Verdi Vallecamonica, seguito dall’alzabandiera con il canto dell’Inno Nazionale e dalla Santa Messa, officiata dal Vescovo di Brescia Mons. Pierantonio Tremolada, concelebrata con il Cappellano delle Fiamme Verdi don Tino Clementi e il Cappellano degli Alpini di Sondrio Padre Mario Bongio.

A seguire, gli interventi di saluto del Vice Presidente Nazionale della F.I.V.L. Roberto Tagliani, del Sindaco di Monno Romano Caldinelli, del Presidente della Provincia di Brescia Samuele Alghisi e, infine, il discorso ufficiale tenuto dall’On. Emilio Del Bono, Sindaco della Città di Brescia il cui Gonfalone si fregia della Medaglia d’Argento al Valore Militare per la Resistenza.

Numerose le Autorità Presenti: il Presidente della Comunità Montana di Vallecamonica Sandro Farisoglio; i Sindaci di molti Paesi della Valle e delle Province di Brescia e di Sondrio; il Vice Presidente dell’ANPI di Brescia e il Presidente dell’ANPI di Sondrio; le rappresentanze delle Organizzazioni Sindacali CISL, CGIL e UIL, delle Associazioni d’Arma e in congedo (Carabinieri, Alpini, Fanti, Autieri, Paracadutisti).

Ha accompagnato la cerimonia il Coro “Voci della Libertà” diretti dai M. Gatti e Fenaroli, che hanno contribuito alla solennità e al raccoglimento della giornata.

Mortirolo, 1 settembre 2019

Luigi Mastaglia